Il Piz Boè e la Traversata del Gruppo del Sella

pubblicato in: Trentino | 0

La traversata del massiccio Gruppo del Sella è un’uscita molto suggestiva e affascinante, ideale per chi ama i paesaggi montani prevalentemente rocciosi. Caratterizzata da notevoli punti panoramici, dalla cima più alta di questo maestoso gruppo, il Piz Boè, possiamo godere una vastissima veduta a 360° sulle diverse Dolomiti circostanti. L’uscita, comunque, dato il notevole dislivello, la lunghezza del percorso e la presenza di un tratto di sentiero “alpinistico”, è consigliata ad escursionisti ben preparati e allenati.

Informazioni tecniche

DifficoltàEE
Tempi di percorrenza 1° giorno

  • 4.00/4.30 h: salita alla Forcella d’Antersass
  • 1.00 h: deviazione Forcia dai Camorces
  • 1.30 h: per arrivare al Rifugio Boè

2° giorno

  • 1.00 h: salita al Piz Boè
  • 2.00/2.30 h: discesa al Rif. Franz Kostner
  • 2.00/2.30 h: discesa al Passo Campolongo
Dislivello complessivocirca 1500 m
Punto di partenzaRistorante Pian Schiavaneis – 1850 m
Punto d’arrivoPasso Campolongo (Hotel Monte Cherz) – 1875 m
Quota massimaPiz Boè – 3152 m
Presenza rifugi e/o bivacchiRif. Boè – 2873 m, Rif. Capanna Fassa – 3152m, Rif. Franz Kostner – 2536m, Rif. Bec de Roces – 2076 m
Segnaleticasentieri SAT 647 – 666 – 649 – 638 – 637 – 636
Note aggiuntivesentiero 638 in direzione del Rif. Kostner: la prima parte è “sentiero alpinistico”, prestare attenzione alla segnaletica; inoltre, è presente un breve tratto ghiaioso notevolmente ripido che richiede un passo sicuro
Mappa e traccia GPS del percorsoGPSies - Piz Boè e Traversata del Sella

Descrizione dell’itinerario

Dal Ristorante Pian Schiavaneis, imbocchiamo il sentiero 647 e saliamo lungo la Val Lasties sino a raggiungere la Forcella d’Antersass dove, prima devieremo in direzione della Forcia dai Ciamorces, successivamente ritorneremo alla forcella per raggiungere il Rifugio Boè. Il secondo giorno, saliamo sulla cima del Piz Boè e scendiamo lungo il sentiero alpinistico in direzione del Rifugio Kostner. Da qui, un ultimo strappo al Rifugio Bec de Roces e al Passo Campolongo.

Val Lasties, Forcella d’Antersass e pernottamento al Rifugio Boè

L’escursione inizia dal Ristorante Pian Schiavaneis (Canazei – TN), salendo lungo il facile sentiero 647 in direzione della Forcella d’Antersass, inizialmente su bosco, successivamente sulla suggestiva Val Lasties, proseguendo tra le pendici della Torre di Roces, del Col Toron e del Col Alton.

Raggiunta la Forcella d’Antersass, dove possiamo godere una bellissima veduta sull’altipiano roccioso de Le Mesules, prima di recarci al Rifugio Boè, approfittiamo di effettuare una deviazione imboccando il segnavia 666 e 649, in direzione della Sella del Pisciadu e della Forcia dai Ciamorcies che, quest’ultima, offre una fantastica veduta sul Passo Gardena e sul massiccio gruppo montuoso del Puez-Odle. Ritornando al bivio della Forcella d’Antersass, ci dirigiamo al Rifugio Boè, dove pernotteremo.

Salita al Piz Boè e discesa al Passo Campolongo

Dal Rifugio Boè, saliamo lungo il sentiero 638, abbastanza ripido e faticoso, per raggiungere il Rifugio Capanna Fassa e, di conseguenza, la cima più alta del Sella: il Piz Boè, a ben 3152 m di altitudine. Da qui, come anticipato nel paragrafo introduttivo, visibilità permettendo, il panorama che offre questa meravigliosa cima spazia di 360°, dove possiamo scorgere parecchie montagne che caratterizzano l’intero complesso Dolomitico, tra cui: il Catinaccio, il gruppo del Puez-Odle, il Piz dles Conturines, il gruppo di Fanes, le Tofane, il Sorapiss, l’Antelao, il Pelmo, il Civetta e la Marmolada.

Dalla cima, l’itinerario preposto continua scendendo per il sentiero “alpinistico” 638 in direzione del Rifugio Franz Kostner, caratterizzato, soprattutto nella prima parte, da una segnaletica non del tutto eccellente che richiede una certa attenzione e, successivamente, dalla presenza di un breve tratto ghiaioso notevolmente ripido che richiede un passo sicuro. Superati questi due tratti, quando incontriamo l’incrocio dei sentieri 626 – 638, continuiamo la nostra camminata ancora su segnavia 638, in direzione, come riporta la segnaletica, del Rif. Lago Boè – Corvara – Arabba.

Con relativa semplicità raggiungiamo il Rifugio Franz Kostner, incorniciato dall’affascinante scenario delle Dolomiti Orientali di Badia, d’Ampezzane e Zoldane, e continuiamo la nostra discesa prima su segnavia 637, poi imboccando il sentiero di destra 636 che manterremmo sino alla fine dell’escursione.

Raggiunti gli impianti di risalita del Rifugio Bec de Roces, scendiamo per la pista sciistica che ci condurrà, in breve tempo, al Passo Campolongo, presso l’Hotel Monte Cherz.

Foto della Traversata del Sella e della cima del Piz Boè

Sebastiano Spigolon
Segui Sebastiano Spigolon:

Tecnico informatico

Iscritto dal 2015 presso il CAI di Padova come socio ordinario, ho deciso di creare questo sito web per condividere con tutti le escursioni che ho effettuato, sia per i neofiti che in montagna non ci sono mai stati e vorrebbero, chissà, iniziare, sia per gli escursionisti incalliti aventi già una buona esperienza dell’ambiente montano dove, ogni vostro consiglio, osservazione e parere sarà bene accetto, in quanto porterebbero una miglioria, ovviamente al sito, ma soprattutto alla mia persona. Per qualsiasi esigenza di contatto, lascio a disposizione il seguente indirizzo email: sebastiano@itineraridimontagna.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.